Gli autoabbronzanti sono sempre più popolari

Se avete sempre sognato di essere una dea dorata come Kim Kardashian o Selena Gomez ma credete che le creme autoabbronzanti non siano il massimo, ora vi possiamo aiutare a chiarirvi le idee sullo stato dell'arte di questa tecnica. Le vecchie formulazioni in effetti avevano la fama di odorare terribilmente, lasciare strisce, macchie e una sgradevole colorazione arancione! Fortunatamente, ai giorni nostri tutto questo è solo un ricordo del passato e possiamo decisamente affermare che mai come ora il mercato degli autoabbronzanti è vivo e l'interesse sui prodotti è più che mai elevato.

L'antefatto

Iniziamo parlando di come gli autoabbronzanti funzionano. Sin dall'esordio sulle scene nei primi anni sessanta gli autoabbronzanti hanno sempre utilizzato DHA o Diidrossiacetone, come principio attivo. Il DHA è un derivato non tossico dello zucchero. I migliori prodotti autoabbronzanti utilizzano 100% DHA naturale estratto sia dalle barbabietole che dallo zucchero di canna. Una volta a contatto con la pelle, il DHA interagisce con gli amminoacidi contenuti nelle proteine della nostra pelle facendoli diventare scuri! In passato questa reazione purtroppo produceva il caratteristico “cattivo odore”.

Creando la fragranza

Negli ultimi 60 anni gli scienziati hanno lavorato duramente su questa problematica optando per ingredienti più naturali come estratti botanici e oli essenziali che aiutano a minimizzare qualsiasi emanazione fastidiosa. Inoltre le nuove formule neutralizzano i recettori olfattivi, rendendo così l’odore virtualmente impercettibile. L'odore sgradevole dunque è solo un ricordo e molte creme autoabbronzanti presentano fragranze gradevoli come quelle al cocco.

Mai piu strisce

Un'altra caratteristica del passato era che gli autoabbronzanti lasciavano sulla pelle fastidiose strisce e macchie. Le formule attuali invece donano una finitura praticamente perfetta. Il mercato offre schiume, spray, creme, lozioni e guanti d'applicazione e la gran parte di questi prodotti garantisce un ottimo risultato senza la presenza di strisce, macchie e odori sgradevoli.

Arancione? Mai piu' sinonimo di autoabbronzante

Le formule primitive rendevano la pelle arancione in pochi istanti e il risultato era veramente imbarazzante. Oggi il controllo sull'autoabbronzatura è quasi totale, la scelta del prodotto puo' essere basata sulle caratteristiche della pelle e le sfumature neutralizzanti utilizzate dalle formule attuali si adattano al tono naturale della pelle per migliorare la tonalità dell'abbronzatura. Non è mai stato così semplice raggiungere risultati eccezionali.

Ingredienti naturali che si prendono cure della pelle

Le formule moderne non si occupano più solo dell'abbronzatura della pelle, ma quasi tutte le migliori abbinano anche trattamenti migliorativi grazie all'inserimento di estratti naturali e botanici che idratano e condizionano la pelle, vitamine nutritive e minerali che aiutano a combattere acne e macchie della pelle.

SUGGERIMENTO : Provate MineTan Coffee Scrub prima di applicare l'autoabbronzante. Esfoliare la pelle prima della seduta autoabbronzante vi permetterà di raggiungere risultati sorprendenti e aiuterà ad ottenere il colore desiderato attenuando inoltre eventuali smagliature e cicatrici.